Categorie

Produttori

SENILIFE MANG CANI GATTI 30BIR Vedi a schermo intero

SENILIFE MANG CANI GATTI 30BIR

Supporta la funzione cerebrale nei cani e gatti anziani. Il suo effetto neuroprotettivo (protezione dei neuroni dai processi degenerativi) favorisce un invecchiamento cerebrale di successo.

Maggiori dettagli

23,14 €

Offerta In offerta!

-10%

25,71 €

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato...

Somministrare il prodotto per cicli di 90 giorni come indicato di seguito: Gatti: 1 cps birillo Cani: fino a 15 kg, 1 cps birillo; da 16 a 25 kg, 2 cps birillo; oltre i 25 kg, 3 cps birillo. Aprire la capsula birillo e spremerne il contenuto nella bocca dell’animale o mescolarlo alla razione di alimento. In alternativa, le capsule birillo possono essere ingerite intere.

Supplemento nutrizionale ad effetto neuroprotettivo che, in virtù delle sostanze naturali in esso contenute, è particolarmente indicato sia per ottimizzare l'invecchiamento cerebrale fisiopatologico, sia per favorire il recupero della capacità adattativa in quei soggetti anziani affetti da disturbi cognitivi, comportamentali, e/o emozionali dipendenti dall'età.

La fosfatidilserina (PS) è un fosfolipide naturalmente presente nelle membrane cellulari, dotato di proprietà nootrope, capace, cioè, di stimolare le attività cerebrali, in particolare attinenti alla sfera cognitiva. La PS, infatti, facilita tutte quelle funzioni neuronali che dipendono dalla membrana cellulare (prima fra tutte il rilascio di vescicole secretorie per la comunicazione sinaptica) ed è anche in grado di ripristinare i corretti livelli di neurotrasmettitori (es. acetilcolina, dopamina), normalizzare la densità dei recettori neuronali (es. recettori muscarinici), nonché stimolare la sintesi dell'NGF (fattore neurotrofico recentemente dimostratosi attivo nel salvaguardare gli animali dai deficit cognitivi).

La piridossina (vitamina B6), cofattore enzimatico nella sintesi di numerosi neurotrasmettitori, coadiuva l'attività della PS nel normalizzare il livello delle sostanze necessarie alla comunicazione sinaptica tra i neuroni.
I componenti attivi dell'estratto di Ginkgo biloba (flavonoidi glicosidici, ginkgolidi e bilobalidi) proteggono le cellule cerebrali (neuroni ed astrociti) sia attraverso effetti antiossidanti, sia mediante attività di natura cerebrovascolare. Essi, inoltre, preservano la funzionalità metabolica neuronale, stimolando il consumo cerebrale di glucosio.

Il resveratrolo, polifenolo dell'uva, protegge i neuroni dalla tossicità dei radicali liberi e della beta-amiloide. In un modello animale di neurodegenerazione si è dimostrato in grado di previene i deficit della memoria spaziale. Recenti pubblicazioni lo definiscono “una manna” per il trattamento della demenza età-correlata.

La vitamina E, contenuta nel prodotto nella sua forma naturale (d-alfa-tocoferolo), potenzia gli effetti antiossidanti esercitati dal Ginkgo biloba.